Storie di Pulizie Marine – Lysmata Amboinensis

Storie di Pulizie Marine – Lysmata Amboinensis
Fauna Marittima

Quasi tutti i subacquei che si immergono nei mari tropicali hanno sicuramente visto, almeno una volta, alcuni grossi pesci immobili vicino al fondo, mentre altri pesci, molto più piccoli tipo gamberetti, si muovevano freneticamente attaccati alle loro branchie o addirittura in bocca, proprio dentro il cavo orale.

Questi pesci che si danno un gran da fare, sono i cosiddetti pesci pulitori. Essi si nutrono di tessuti malati e resti di cibo, asportando parassiti escrescenze e batteri che, se non rimossi, potrebbero provocare qualche infezione al pesce ospitante.

Un rapporto di reciproca collaborazione, una simbiosi in cui ciascun animale trae un beneficio: i primi, i pesci più grossi, si ripuliscono, mentre i secondi, i pesci più piccoli, mangiano gratis senza fare troppa fatica.

Andando in giro per i fondali,specialmente in corrispondenza delle barriere coralline, non è raro  trovare queste “stazioni di pulizia” con minuscoli crostacei negli anfratti del reef.

Tra i vari gamberetti pulitori che si possono trovare a lavoro, il Lysmata Amboinensis è il più frequente. Molto piccolo, con una lunghezza massima di 5 cm, ha un colore giallo arancio con tracciate sul dorso due righe rosse che delimitano una riga bianca. La parte anteriore del crostaceo è caratterizzata da tre coppie di antenne bianche e molto lunghe, mentre sulla coda ci sono 5 macchie bianche.

I Lysmata Amboinensis vivono solitamente in gruppi che possono arrivare fino a un centinaio di individui e si dividono in diverse “stazioni di pulizia” nello stesso tratto di fondale, ognuna magari, con una specializzazione differente: quella per le cernie, quella per i pesci di passo, per i pesci più piccoli o più grossi etc.

Sono ermafroditi e ciò vuol dire che in giovane età sono tutti maschi ma invecchiando diventano femmine. Per quanto riguarda la riproduzione questi crostacei espellono larve dopo averle tenute, per un certo periodo, sotto il carapace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati